1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
stemma della rivista Natura - La nuova rivista del Corpo Forestale dello Stato
Contenuto della pagina
 

Verso il futuro con i piedi per terra!

 
di Luisa Lauricella
 

Gli Istituti agrari stanno avendo un incremento di iscrizioni, anche grazie alla riscoperta della terra da parte delle nuove generazioni Verso il futuro con i piedi per terra!

 

Una scuola immersa nel verde, dove si impara esercitandosi praticamente con la testa, le mani e il cuore immersi nella natura. Tra le varie offerte formative dedicate ai ragazzi che intraprendono i corsi di studi nella scuola secondaria di secondo grado, le “superiori”, c’è l’Istituto tecnico ad indirizzo Agrario, Agroalimentare e Agroindustriale. Alle aule e ai laboratori si affianca il lavoro sul terreno. Quello che un tempo veniva considerato un mestiere per chi non aveva altre possibilità lavorative, oggi è un settore in crescita dove sperimentazione, studio e tecnologia concorrono per ottenere prodotti agroalimentari e vitivinicoli sempre più competitivi sul mercato.

 
 
 

LA SCUOLA COME UN’AZIENDA AGRICOLA

 

Gli agrari nella maggioranza dei casi sono ubicati in zone verdeggianti, dove è possibile usufruire di un congruo appezzamento di terreno. Con le dovute differenze fra i singoli istituti è possibile sperimentare una vasta gamma di esperienze disciplinari in vigneti, oliveti, serre e cantine, e poi seguire le materie prime durante la loro trasformazione fino a renderle un prodotto finito pronto per la vendita. Nel caso dell’Istituto E. Sereni a Roma, che abbiamo visitato direttamente e col quale sono stati posti in essere numerosi progetti con il Nucleo Agroalimentare e Forestale, i ragazzi della sede centrale hanno a disposizione circa 30 ettari di terreno. L’appezza mento era già un’antica azienda agricola, ed è posto in una zona di rilevante importanza archeologica, così come testimoniano un antico fontanile ed una cisterna romana del II-III secolo d.C.. I giovani che frequentano l’articolazione “Viticoltura ed enologia” fanno pratica in un vigneto, in una cantina e dispongono di attrezzature all’avanguardia anche per le analisi chimiche. Una sala di degustazione completa questo settore, che ultimamente è quello in maggiore espansione e con grandi sbocchi lavorativi. Vengono prodotti vini IGT bianchi, rossi e rosé di pregio. Tutte le produzioni rispettano i disciplinari biologici e i laboratori permettono di verificare l’effettiva bontà di quanto raccolto e trasformato. Vengono studiate metodologie moderne affinché le produzioni siano ecocompatibili, nel rispetto dell’ambiente e dei consumatori, sempre più consapevoli davanti agli scaffali dei supermercati e anche nei mercati.

 
 
 

STUDIARE PRODUCENDO

 

A differenza della maggioranza degli altri corsi di studi, negli Istituti agrari i giovani possono concretizzare i loro studi nei prodotti che raccolgono e trasformano. Ciò che colpisce, dopo aver visitato la scuola agraria, è la laboriosità di studenti ed insegnanti. Ogni giovane sa cosa fare, anche con un discreto grado di autonomia, ed è fortemente percepibile anche dall’esterno il legame tra studenti ed insegnanti, un rapporto che “produce”, letteralmente, ottimi frutti! Un lavoro ben fatto si concretizza in un buon raccolto e poi in produzioni di qualità. Le scuole producono conserve, verdure, frutta, miele, vino, birra, olio, farine e piante ornamentali che vengono poi vendute al pubblico all’interno della scuola stessa. L’orgoglio di aver contribuito a creare un buon prodotto e a generare reddito stimola i giovani a impegnarsi nello studio ed approfondire metodiche di produzione e gestionali.

 
 
 
 

L’AZIENDA AGRICOLA DEL FUTURO

 

L’agricoltura odierna deve ispirarsi al passato guardando il futuro, nelle scuole agrarie viene dedicata grande parte delle lezioni alla conoscenza ed interpretazione delle normative comunitarie di settore, che sono alla base di una produzione moderna. Un’azienda per sopravvivere non deve solo offrire merci di qualità ma anche essere competitiva, farsi conoscere e promuovere i propri prodotti. E’ per questo che il marketing aziendale e l’analisi dei costi è parte integrante dei programmi didattici. Gli studenti, alla fine dei corsi, saranno in grado di elaborare stime di valore, analisi dei costi – benefici e la valutazione di impatto ambientale. Dopo aver compreso le potenzialità del proprio lavoro potranno realizzare attività promozionali per valorizzare la propria azienda e i propri prodotti, tanto sul territorio che a livello internazionale.

 
 
 

LA TERRA PER IL NOSTRO DOMANI

 

In un periodo storico in cui la crisi economica ha ridotto fortemente le possibilità di impiego, il settore agroalimentare ha invece incrementato il fatturato e risulta uno dei settori trainanti dell’economia italiana. Le produzioni di qualità e la supremazia della dieta mediterranea spingono i consumatori ad operare scelte sempre più consapevoli che privilegiano cibi che offrano garanzie di qualità a prezzi competitivi. I ragazzi in questi Istituti superiori possono svolgere un percorso di studi che li coinvolga pienamente e ciò che impareranno potrà aiutarli a creare un futuro molto più green!